Monastero di San Salvatore, incontro fra teologia e architettura



Monastero di San Salvatore, in Valle Camonica a Capo di Ponte (BS)

Dieci secoli di storia: il complesso del monastero di San Salvatore a Capo di Ponte (BS), costruito secondo i criteri del Romanico lombardo e con forti accenti appartenenti al romanico borgognone, è un monumento che fa parte dell’Itinerario cluniacense europeo. Una struttura concepita da un teologo, non da un architetto, in cui ogni segno, dalle sculture dei capitelli alla disposizione dei singoli elementi, indica precisi concetti dottrinali. Il portale d’ingresso non è situato in posizione perpendicolare rispetto alla croce e alla bifora sovrastanti ma è spostato di lato, come il capo chino di Cristo sulla croce. Nella concezione medievale, la perfezione è una prerogativa divina e quindi ogni opera umana deve contenere un elemento di incongruenza, di incompletezza o di imperfezione, per non cadere nell’arroganza e restare consapevoli, con umilltà, della propria condizione.

ITINERARI COLLEGATI

Santuari tra storia e preistoria

#vallecamonica #zoom