Palazzo Simoni Fè d’Ostiani a Bienno, la pinacoteca della comunità

La collezione d’arte biennese comprende ritratti di famiglia, opere di artisti contemporanei e un Compianto ligneo seicentesco.


Nel centro storico di Bienno, circondato da un parco, Palazzo Simoni Fè è il simbolo della generosità dell’ultima proprietaria, la contessa Paolina Simoni Fè D’Ostiani Montholon. Nel 1935 lo donò all’asilo.


Il palazzo è affiancato da un parco - l’ingresso principale è lungo via Contrizio - aperto al pubblico, dove si possono vedere alcune opere e installazioni del progetto “Borgo degli artisti”. L’interno, invece, apre lo sguardo sul passato.


LA STORIA


Il nome altisonante unisce due tra le famiglie più importanti della Valle Camonica e di Brescia, i Simoni, commercianti di ferrarezza di lunga data, e i nobili Fè D’Ostiani, bresciani di origine cremonese. Montholon è il cognome del marito, il conte Carlo Giovanni. La struttura è in gran parte ottocentesca ma s’imposta sugli impianti precedenti del XVII e XV secolo.


Bienno, Palazzo Simoni Fè D'Ostiani - ingresso

IL PALAZZO


L’ingresso introduce in un ampio salone, con volte a crociera e colonne. Lo scalone di pietra porta al piano superiore, decorato con stucchi e affreschi: sul soffitto, Vulcano con i Ciclopi, un omaggio all’arte della metallurgia, che ha reso Bienno un centro prospero e rinomato per secoli; sulle pareti, le Gesta di Alessandro Magno (tra XVII e XVIII secolo), di autore ignoto. La biblioteca ospita altri affreschi, tra cui il Ciclo di Attila, i Sapienti e le Storie di Ester.


I RITRATTI DI FAMIGLIA


Uno dei punti di forza della collezione è rappresentato dai ritratti di famiglia, che descrivono l’essenza eia ruolo dei personaggi. Orazio Simoni e Virginia Cecilia Piatti sono marito e moglie: lui più anziano, con marsina e parrucca ad ali di gabbiano, lei con un abito e con dei gioielli che esprimono eleganza e nobiltà.


Bienno Palazzo Simoni Fè D'Ostiani - ritratti

Giovan Battista Simoni, il figlio, raffigurato secondo il genere “principe degli studi”, con la spilla dell’Accademia dell’Arcadia appuntata al bavero; l’altro figlio, Giacomo Luigi Simoni, ritratto quando ha 80 anni da un pittore bresciano di un certo livello, forse Gabriele Rottini. Antonio Giovanni Maria Simoni è un dignitoso signore ottocentesco che guarda dritto negli occhi l’osservatore. In un angolo, defilato, il piccolo ritratto di una dama che si dice possa essere la contessa Paolina, ma potrebbe non essere affatto così.


I fantasmi. Prendono forma al chiaro di luna, si materializzano nei sogni. Ombre. Sagome di ciò che non è più. (Ellen Hopkins)

IL COMPIANTO DI PAOLO AMATORE


Nella sala dei ritratti, il Compianto di Paolo Amatore, scultore bresciano fra tardo manierismo e barocco, che nelle statue del Cristo morto, delle tre Marie, di San Giovanni e degli altri protagonisti riporta gli esempi di Cerano, Procaccini, Parmigianino. Vi sono altre statue lignee, tra cui un’Annunciazione quattrocentesca, di impronta nordica.


LA COLLEZIONE MORANDINI


Appartengono all’arte contemporanea quaranta opere donate dall’arcivescovo Giovan Battista Morandin, nato a Bienno, nunzio apostolico in Siria, Mongolia, Rwanda, Corea, Guatemala. Sono una mappa del suo percorso cosmopolita, spirituale e culturale.


Le opere (dipinti e sculture) sono di Roberta Coni, Mirko Pagliacci, Teresa Merolla, Mauro Molle, Tania Brassesco, Michelino Iorizzo, Alessio Deli, Davide Puma, Achir Braim, Marcello Toma, Pier Augusto Breccia, Irene Malish, Sandro Trotti, Simone Di Micco, Simone di Micco, Stefano Bolcato, Gi Morandini, Antonio Finelli, Lucia Zei, Franco Giletta, Silvio Porzionato, Yuan Yuan.


ITINERARI E VISITE GUIDATE

Bienno, il borgo degli artisti

Per una visita guidata su misura chiama senza impegno 339.6672031


VEDI ANCHE

10 Ottime ragioni per una visita a Bienno

Santa Maria degli Orti

La Casa degli artisti

La statua dorata di Cristo Re


© 2015 - 2020

Daniela Rossi Saviore

P.IVA 03 209 170 988

 

Tel. +39 339 667 2031

 

GUIDA TURISTICA AUTORIZZATA

GIORNALISTA PROFESSIONISTA

 

Visite guidate - Guided tours

Valcamonica | Lago d'Iseo

Franciacorta | Lago di Garda

Brescia e provincia

Leggo, scrivo, racconto storie: guida turistica autorizzata e giornalista professionista freelance - vivo in Valcamonica, la Valle dei Segni, primo sito UNESCO d'Italia - lavoro un po' ovunque in Lombardia, tra montagne, laghi, borghi, città e in tutto ciò che per me ha un senso

Qualified tour guide, freelance journalist, I live in Valcamonica, first UNESCO site of Italy (prehistoric rock art). I mostly work in Lombardy, land of mountains, lakes, astonishing hamlets and cities and wherever it makes sense to me.